Brazilian Catholic Apostolic Church -UK (ICAB-UK)

          Founded by decree as a Sui Iuris Catholic Church by His Holiness, Patriarch Dom. Luis Fernando Castillo Mendez. 

Pope Pius XI letter to Cardinal Leme de Silveira Cintra, 1935

Letter to Cardinal Sebastiano Leme de Silveira Cintra, Archbishop of San Sebastian of Rio De Janeiro, on the lack of priests in Brazil (October 27, 1935)

(Principal consecrator of Roman Catholic Bishop Carlos Duarte Costa)


Your Emminence, Cardinal Presbitero

Sebastian Lim de Silveira Cintra,

Archbishop of San Sebastian of Rio de Janeiro,

and the other Archbishops and Bishops of Brazil.



Beloved Son and Venerable Brothers, health and the Apostolic Blessing.

Although our thinking about Catholic Action has already been made clear since the first Encyclical Ubi arcane Dei and from the many documents we published subsequently, however, accepting the desire that we have expressed in your recent visit to Rome will address the Our word on this important topic. We thus demonstrate, once again, as we account of collaboration, that lay people can give the church not only to defend the truth and the Christian life by so many pitfalls that threaten it, but also to become, under the guidance of their pastors, an excellent aid for a growing religious and civil progress.

We are convinced that the Catholic Action is a great grace of God for the faithful who are called to work more closely with the ecclesiastical hierarchy, with the Bishops and priests, who always find in the ranks of Catholic people ready to help effectively in their sacred task daily. Who, indeed, does not see that, even in Catholic countries, the number of priests is insufficient to give all believers the necessary assistance? Even in codesto beloved country, where the worship of God and piety are certainly honored, how many times you, Our Beloved Son, and your bishops have complained Connect the small number of priests, especially the secular, codesta region - say -- That its natural conditions, for the relocation of settlements and for his significant extension requires more than elsewhere a considerable number of priests?

And what about seeing so many obstacles currently oppose the sacred ministry and accumulate so many commitments, so that the faithful can not hardly ever benefit from priestly ministry? What about the many dangers that increasingly threaten the integrity of faith and morals of the Christian people, especially in large nations, as in Brazil, where, along with many great and good achievements, buzz and so many harmful germs wrong? We know how to care of you are committed to inspire and encourage vocations church and to make Seminars always best suited to their noble purpose. We have proof of your concern and your zeal in creating the Brazilian seminary in Rome; founded under your auspices and thanks to your contribution, it honours the title of pontifical and, as you well know, there is very expensive.

These efforts, blessed by the grace of heaven, will certainly for the future abundant fruits. But what will be larger abundance of these fruits if, in addition to the ranks of priests - which we hope will become less and less unequal to the increasingly vast work - stringessero docile and compact phalanges good lay people, who will prepare, integrate or, at some point, if necessary, even supply, especially nell'impartire religious education to children, the work of the priest.

In truth, this noble battle that aims to defend and extend the kingdom of Christ, is absolutely necessary, as for all the battles and all armies, that the soldiers proceed in an orderly manner, method and reflection. You do not feel useless if we add briefly in this letter some advice and some directive suggeritaCi not only from the knowledge that we have the conditions under which you live and from Our deepest desire to see you get quickly - even in this field - consoling results, but also by Our long experience that there has, so to speak, put under the eyes what are the remedies safer and more appropriate for individual nations.

Firstly, we recommend that you put the maximum effort in the training of those who intend military in the ranks of Catholic Action: religious, moral and social which are indispensable for those wishing to exercise effectively in this historic moment a work of apostolate. Therefore, in the initial phase will be indispensable not start with large, but with small groups whose well-trained, equipped with teaching and experience, are at the evangelical ferment that then transforms the entire mass. Neither will be difficult to start so in every parish this salutary work, particularly taking care of children, indirizzandoli the practice of Christian virtues, and the young, future hopes of Church and the homeland, and the same men, based on which families and society, in view of active solidarity Catholic.

It also strongly recommended that the nascent associations not only live in perfect harmony, but also be properly coordinated in closer and more organic unity; associations parish, diocesan and national Governing Council are united and connected. Like the members of a single body, as cohorts of an invincible army. Union forces, not dispersion, not an occasional competition works, but orderly collaboration towards a common good, not compression of the spontaneous blossoming of individual associations, but the development of parties and forces, so that the dignity and beauty in a complex organic components, shine throughout the body. It would be a mistake and if serious damage in parishes or dioceses arise associations of the faithful with a view similar to those of Catholic but absolutely independent and in no way coordinated Catholic Action, or worse, contrasting with it. The benefits, or limited to a narrow circle of faithful from such associations would remain entirely eliminated from the damage that they cause with disperse and disrupt and sometimes put them in a collision between the Catholic forces; them, as we said above, present time must be agreed and associates under the leadership of Pastors, for the benefit of the Church.

Furthermore, the need to keep together all the forces does not prevent that Catholic Action has in its breast different groups of citizens, who devote special care and assistance as farmers, craftsmen, students, professionals who practice individually different activities or disciplines. From this experience shows that necessarily to achieve the main aim of Catholic requires that every militant is active apostle of Christ, where he spent his life. A great care must be carried out against more humble classes, especially the workers and peasants, for whom every age in the Church, following the example of divine Founder, had particular affection, with a broad understanding for all the hard work that they are engaged, anxious for the many dangers that are exposed their souls, increasingly at risk for intense propaganda scellerate and turbulent doctrines disseminated among the weakest.

Throughout this work of adaptation and organization, will be useful in individual dioceses groups of priests and lay people, prepared in things divine ardent zeal for souls, devoted to this Apostolic See and pastors who, fervent missionaries of 'Catholic Action, under the leadership of Bishops travelling frequently in the parishes of their dioceses, or even other dioceses if they are required to clearly illustrate the beauty and benefits of Catholic Action, to assist and cooperate especially in the training of good leaders , Without which the associations can neither live nor flourish in order to direct and coordinate all forces, so that each association can achieve its objectives without harming others. Do not overlook also trained in this form of apostolate students of seminaries, and also is addestrino young priests to immediately sending it to study the Catholic Action in those nations where it has already had happy experiences and abundant harvest fruit.

In order to make increasingly appropriate to Action Catholic priests, religious of both sex and lay faithful, we think of great utility, as already used in several places, often organise days, weeks or congress study and prayer to implore God's help not only for the entire nation, but also for the whole diocese or the parish, so that those who participate in spiritual exercises and meditations on the divine through lessons and prayers held by experts of social affairs and relevant Catholic Action are specifically urged the apostolate and carefully prepared on genuine doctrines of the Church.

Also agrees that such meetings are convened according to certain groups of members, namely young people, students, Catholic men and women, craftsmen or those who perform some professional activity, such as doctors, lawyers, merchants, and also of priests and religious, educators, etc.. so that they indent specialized topics, which affect individual organizations and categories under the religious aspect and its apostolate of Catholic.

We know well, Beloved Son and Venerable Brothers, the numerous and serious challenges this task, both noble and necessary presents, particularly at the beginning. But we like to remember the words that the Apostle to the Gentiles, under the influence of divine breath, did not hesitate one day to say: 'I can do all things in him who gives me strength. Therefore, if the priests and lay people who work in Catholic place in God their hope and their trust, obey the divine grace and use in an open and active all those methods, which may seem of little importance that the Action Catholic offers them, will aid special and extraordinary divine goodness for completing the work happily undertaken. By contrast, they will work in vain to build the new city Christian if God did not work with them.

Neither seems that in addition to aid divine, Catholic Action lacking in other contributions. Indeed it does not hinders, let alone destroy, initiatives and other forms of property, if ever raises, supports, coordinates, so demand and willingly accepts the cooperation of other forces, institutions and activities which, although not all belong ' Catholic Action, they share the noble purposes of training of consciences.

The many religious families of each sex, which costà have already reported services rendered to the Church, will lead to Action Catholic undoubtedly a very valuable and extensive help. They will always help not only with their incessant prayers to God, but collaborating with the priests even if they do not have a specific cure of souls. They give him especially preparing Catholic Action, from an early age, boys and girls who guard in schools and colleges. It will be necessary to initially attract youth to the practice of the apostolate, and then urge so persevering and vigilant to enter the organizations of Catholic Action, if their absence, the same religious promote. One can say that there is no better time than the studies, nor place the best schools and colleges to educate the youth Catholic Action. This preparation of youth will be of great utility in the same gymnasium and all'educandato because it's easy to understand what and how well you can achieve all pupils of an institution by their companions educated apostolate Christian. This will particularly to the same teenagers who are preparing to Action Catholic. Obviously, as we have repeatedly stated, having been prepared in accordance with the doctrine of heaven and fortified by the power top, they find themselves in organizations, especially in the delicate age which will come, a defence and a presidium against the dangers in order to confront and overcome with invincible spirit and the many serious difficulties in meeting social they have come. Even associations and institutions to cultivate piety, the wider dissemination of religious culture or even encourage some activities social apostolate, will be the auxiliary forces of Catholic because, while retaining each have a just and necessary autonomy, among them el'Azione Catholic Upgrades that "cordial understanding, that coordination and mutual understanding" that on many occasions we have recommended.

Therefore, the Catholic Action, so wisely ordered and accompanied by valid support, it will be truly ground that the army fight the glorious battle for the defence and propagation of the Kingdom of Christ, who is the kingdom of justice, peace and love. Therefore, although they should absolutely refrain as desired by its nature from any activities and attitude of political party, Catholic Action, however, will work genuinely and effectively for the prosperity of the whole community, "becoming the key way which serves the Church to communicate to people all sorts of benefits ".

Finally ask insistently to God that should sympathetically make fruitful the efforts that you, Our Beloved Son, and your colleagues in - assecondati by an active clergy and laity chose a working incessantly - support, to form wherever this safe and effective help of Catholic directed at restoring the good morals in society, so that as soon as possible in all dioceses organise these beautiful ranks of brave soldiers who firmly defend the rights and gl'interessi of God and the Church, and leading everywhere sentiment of Christ, which is a pledge and guarantee for gl'individui, for families and for the same civil society.

And so your initiatives proceed regularly and with satisfaction, we implore God for you the necessary aid. Both of these advanced information and testimony of our great love Apostolic Blessing with affection in the Lord impart to you, Our Beloved Son, and to you, venerable Brothers, and all the clergy and the people entrusted to each of you, particularly those who are involved in Catholic

Given in Rome, at St. Peter, October 27, the feast of Christ the King, in the year 1935, the fourteenth of our pontificate.

PIUS PP. XI



Letter to Cardinal Sebastiano Leme de Silveira Cintra,  Archbishop of San Sebastian of Rio De Janeiro, on the lack of priests in Brazil (October 27, 1935)

                          (Consecrator of Roman Catholic Bishop Carlos Duarte Costa)

LETTERA DI SUA SANTITÀ PIO XI

"QUAMVIS NOSTRA"

ALL'EM.MO CARDINALE PRESBITERO

SEBASTIANO LEME DE SILVEIRA CINTRA

ARCIVESCOVO DI SAN SEBASTIANO DI RIO DE JANEIRO

SULLA CARENZA DI SACERDOTI IN BRASILE



All’Eminentissimo Cardinale Presbitero

Sebastiano Leme de Silveira Cintra,

Arcivescovo di San Sebastiano di Rio de Janeiro,

ed agli altri Arcivescovi e Vescovi del Brasile.


Diletto Figlio Nostro e Venerabili Fratelli, salute e Apostolica Benedizione.


Quantunque il Nostro pensiero a proposito dell’Azione Cattolica sia già stato espresso chiaramente fin dalla prima Enciclica Ubi arcano Dei e dai molti documenti che abbiamo pubblicato successivamente, tuttavia, accogliendo il desiderio che Ci avete manifestato nella vostra recente visita a Roma, vi indirizziamo la Nostra parola su questo importante argomento. Vogliamo così dimostrare, ancora una volta, quanto conto facciamo della collaborazione, che i laici possono dare agli ecclesiastici non solo per difendere la verità e la vita cristiana da tante insidie che la minacciano, ma anche per divenire, sotto la guida dei loro Pastori, un ottimo aiuto per un sempre maggiore progresso religioso e civile.

Noi siamo convinti che l’Azione Cattolica sia una grande grazia di Dio per i fedeli che sono chiamati a collaborare più da vicino con la Gerarchia ecclesiastica, con i Vescovi e con i Sacerdoti, i quali troveranno sempre nelle file dell’Azione Cattolica persone pronte a coadiuvarli efficacemente nel loro sacro compito quotidiano. Chi, infatti, non vede che, anche nei paesi cattolici, il numero dei sacerdoti è insufficiente per dare a tutti i fedeli la necessaria assistenza? Anche in codesto amato paese, dove il culto di Dio e la pietà sono certamente onorati, quante volte tu, Diletto Figlio Nostro, e i tuoi Colleghi nell’episcopato avete lamentato l’esiguo numero di sacerdoti, specialmente dei secolari, in codesta regione — diciamo — che per le sue condizioni naturali, per la dislocazione degli abitati e per la sua rilevante estensione richiede più che altrove un considerevole numero di sacerdoti?

E che dire vedendo attualmente tanti ostacoli opporsi al sacro ministero e accumularsi tanti impegni, al punto che i fedeli non possono quasi mai trarre beneficio dal ministero sacerdotale? Che dire dei molteplici pericoli che minacciano sempre più l’integrità della fede e dei costumi del popolo cristiano, specialmente nelle grandi nazioni, come nel Brasile, dove, insieme a tante grandi e buone realizzazioni, pullulano numerosi e così nefasti germi di male? Noi sappiamo con quale cura presso di voi ci si impegna per suscitare e favorire le vocazioni ecclesiastiche e per rendere i Seminari sempre più adatti al loro nobile fine. Noi abbiamo la prova della vostra sollecitudine e del vostro zelo nella creazione del Seminario Brasiliano a Roma; fondato sotto i vostri auspici e grazie al vostro contributo, esso si onora del titolo di pontificio e, come voi ben sapete, Ci è molto caro. Queste fatiche, benedette dalla grazia celeste, produrranno certamente per l’avvenire copiosi frutti. Ma quanto sarà più larga l’abbondanza di tali frutti se accanto alle schiere di sacerdoti — che Ci auguriamo divengano sempre meno impari al sempre più vasto lavoro — si stringessero docili e compatte falangi di buoni laici, i quali potranno preparare, integrare o, su qualche punto, ove sia necessario, anche supplire, specialmente nell’impartire l’istruzione religiosa ai fanciulli, l’opera del sacerdote.

In verità, per questa nobile battaglia che si propone di difendere e di ampliare il regno di Cristo, è assolutamente necessario, come per tutte le battaglie e per tutti gli eserciti, che i soldati procedano con ordine, metodo e riflessione. Voi non riterrete inutile se Noi aggiungiamo brevemente in questa lettera qualche consiglio e qualche direttiva suggeritaCi non solo dalla conoscenza che Noi abbiamo delle condizioni in cui vivete e dal Nostro vivissimo desiderio di vedervi ottenere rapidamente — anche in questo campo — consolanti risultati, ma anche dalla Nostra lunga esperienza che Ci ha, per così dire, messo sotto gli occhi quali sono i rimedi più sicuri e più appropriati per le singole nazioni.

In primo luogo vi raccomandiamo di porre il massimo impegno nella formazione di coloro che intendono militare nelle file dell’Azione Cattolica: formazione religiosa, morale e sociale che sono indispensabili per chi voglia esercitare efficacemente in questo momento storico un’opera di apostolato. Pertanto, nella fase iniziale sarà indispensabile cominciare non già con grandi complessi, ma con piccoli gruppi ben addestrati i quali, dotati di dottrina e di esperienza, siano come il fermento evangelico che trasformerà poi tutta la massa. Né sarà difficile iniziare così in ogni parrocchia questo salutare lavoro, particolarmente curando i fanciulli, indirizzandoli alla pratica delle virtù cristiane, nonché i giovani, future speranze della Chiesa e della Patria, e gli stessi uomini, sui quali poggiano le famiglie e la società, in vista di un’attiva solidarietà cattolica.

Va pure raccomandato vivamente che le nascenti associazioni non solo vivano in perfetta armonia, ma siano anche opportunamente coordinate nella più stretta ed organica unità; le associazioni parrocchiali, le diocesane e il consiglio direttivo nazionale siano uniti e collegati. Come le membra di un sol corpo, come le coorti di un esercito invincibile. Unione di forze, non dispersione; non un occasionale concorso di opere, ma un’ordinata collaborazione verso un bene comune; non la compressione dello spontaneo fiorire delle singole associazioni, ma lo sviluppo delle parti e delle forze, in modo che il decoro e la bellezza, in un organico complesso delle componenti, risplendano in tutto il corpo. Sarebbe perciò un errore e un danno gravissimo se nelle parrocchie o nelle diocesi sorgessero associazioni di fedeli con fini analoghi a quelli dell’Azione Cattolica ma assolutamente indipendenti e in nessun modo coordinate all’Azione Cattolica, o peggio, con essa contrastanti. I vantaggi particolari, o limitati ad una stretta cerchia di fedeli, provenienti da siffatte associazioni, resterebbero del tutto eliminati dal danno che esse causerebbero col disperdere e disgregare e talvolta mettere tra loro in urto le forze cattoliche; queste, come sopra abbiamo detto, nei tempi presenti devono essere concordi e collegate sotto la guida dei Pastori, a vantaggio della Chiesa.

Peraltro la necessità di tenere unite tutte le forze non vieta che l’Azione Cattolica abbia nel proprio seno diversi gruppi di cittadini, ai quali dedicare particolari cure ed assistenza, come gli agricoltori, gli artigiani, gli studenti, i professionisti che praticano singolarmente diverse attività o discipline. Da questa esperienza emerge necessariamente che per conseguire il fine principale dell’Azione Cattolica occorre che ogni militante sia attivo apostolo di Cristo, là dove trascorre la propria vita. Una grandissima cura deve essere espletata nei confronti delle classi più umili, specialmente degli operai e dei contadini, per i quali in ogni epoca la Chiesa, sull’esempio del divino Fondatore, ha avuto particolare affetto, con ampia comprensione per tutte le fatiche in cui essi sono impegnati, trepidante per i tanti pericoli ai quali sono esposte le loro anime, sempre più a rischio per l’intensa propaganda di scellerate e turbolenti dottrine diffuse fra i più deboli.

In tutta questa opera di adattamento e di organizzazione, sarà utilissimo costituire nelle singole diocesi gruppi di sacerdoti e di laici, preparati nelle cose divine, ardenti di zelo per le anime, devoti a questa Sede Apostolica e ai Pastori, i quali, ferventi missionari dell’Azione Cattolica, sotto la guida dei Vescovi si rechino frequentemente nelle parrocchie della loro diocesi, o anche di altre diocesi se ne sono richiesti, per illustrare chiaramente la bellezza e i vantaggi dell’Azione Cattolica, per assistere e collaborare soprattutto nella formazione di buoni dirigenti, senza i quali le associazioni non possono né vivere né fiorire, allo scopo d’indirizzare e coordinare tutte le forze, affinché ogni associazione possa raggiungere i propri obiettivi senza danneggiare le altre. Non si trascuri inoltre di istruire in questa forma di apostolato gli alunni dei Seminari, e del pari si addestrino subito i sacerdoti giovani, inviandoli anche a studiare l’Azione Cattolica in quelle nazioni dove essa ha già avuto felici esperienze e raccolto copiosi frutti.

Allo scopo di rendere sempre più idonei all’Azione Cattolica i sacerdoti, i religiosi dell’uno e dell’altro sesso e i laici fedeli, riteniamo di grandissima utilità che, come già si usa in diversi luoghi, si organizzino frequentemente giornate, settimane o congressi di studio e di preghiera per implorare l’aiuto di Dio non solo per l’intera nazione, ma anche per tutta la diocesi o per la parrocchia, in modo che coloro che partecipano agli esercizi spirituali e alle meditazioni sulle cose divine attraverso lezioni ed orazioni tenute da persone esperte di cose sociali e pertinenti all’Azione Cattolica vengano specificatamente sollecitati all’apostolato e preparati accuratamente sulle autentiche dottrine della Chiesa.

Inoltre conviene che tali riunioni siano convocate secondo determinati gruppi di soci, cioè dei giovani, degli studenti, degli uomini cattolici e delle donne, degli artigiani o di coloro che svolgono qualche attività professionale, come i medici, gli avvocati, i commercianti, e anche di sacerdoti, religiosi e religiose, di educatori, ecc., affinché in esse si trattino argomenti specializzati, che interessano le singole organizzazioni e categorie sotto l’aspetto religioso e dell’apostolato proprio dell’Azione Cattolica.

Noi conosciamo bene, Diletto Figlio Nostro e Venerabili Fratelli, le numerose e gravi difficoltà che questo compito, tanto nobile e necessario presenta, particolarmente all’inizio. Ma Ci piace ricordare le parole che l’Apostolo delle genti, sotto l’azione del soffio divino, non esitò un giorno a pronunciare: «Tutto posso in colui che mi dà la forza ». Se dunque i sacerdoti e i laici che lavorano nell’Azione Cattolica pongono in Dio la loro speranza e la loro fiducia, obbediscono alla grazia divina e utilizzano in modo aperto e attivo anche tutti quei mezzi, che possono sembrare di poca importanza, che l’Azione Cattolica offre loro, non mancheranno degli aiuti speciali e anche straordinari della bontà divina per realizzare l’opera felicemente intrapresa. Per contro, essi lavoreranno invano a costruire la nuova città cristiana se Dio non lavorerà con loro.

Né sembra che, oltre agli aiuti divini, l’Azione Cattolica manchi di altri contributi. Infatti essa non intralcia, e tanto meno distrugge, altre iniziative e forme di bene; se mai le suscita, le appoggia, le coordina; perciò domanda e accetta ben volentieri la collaborazione di altre forze, istituzioni e attività che, pur non appartenendo all’Azione Cattolica, ne condividono i nobili fini di formazione delle coscienze.

Le numerose famiglie religiose dell’uno e dell’altro sesso, che costà hanno già reso segnalati servizi alla Chiesa, porteranno senza dubbio all’Azione Cattolica un validissimo ed amplissimo aiuto. Esse daranno sempre questo aiuto non solo con le loro incessanti preghiere a Dio, ma collaborando con i sacerdoti anche se non hanno una specifica cura delle anime. Esse lo daranno in modo particolare preparando all’Azione Cattolica, fin dalla più tenera età, i bambini e le bambine che custodiscono nelle scuole e nei collegi. Occorrerà inizialmente attirare la gioventù alla pratica dell’apostolato, per poi esortarla in modo perseverante e vigile ad entrare nelle organizzazioni dell’Azione Cattolica; se queste mancano, i religiosi stessi le promuovano. Si può dire che non vi sia tempo migliore di quello degli studi, né luogo migliore delle scuole e dei collegi per educare la gioventù all’Azione Cattolica. Questa preparazione della gioventù sarà di grande utilità allo stesso ginnasio e all’educandato; infatti è facile comprendere quale e quanto bene possa pervenire a tutti gli alunni di un istituto dai loro compagni educati all’apostolato cristiano. Ciò gioverà particolarmente agli stessi adolescenti che si preparano all’Azione Cattolica. Ovviamente, come abbiamo più volte affermato, essendo stati preparati secondo la dottrina celeste e fortificati con la virtù superiore, essi troveranno nelle stesse organizzazioni, soprattutto nella delicata età che giungerà, una difesa ed un presidio contro i pericoli, in modo da affrontare e superare con animo invitto le molte e gravi difficoltà che incontreranno nell’ambiente sociale in cui dovranno entrare. Anche le associazioni e le istituzioni dirette a coltivare la pietà, alla maggiore diffusione della cultura religiosa o anche a favorire qualche attività di apostolato sociale, saranno le forze ausiliarie dell’Azione Cattolica, perché, pur conservando ciascuna una giusta e necessaria autonomia, fra esse e l’Azione Cattolica si effettuerà quella « cordiale intesa, quella coordinazione e mutua comprensione » che più volte abbiamo raccomandato.

Pertanto l’Azione Cattolica, così sapientemente ordinata e corredata di validi sostegni, sarà veramente l’esercito pacifico che combatterà la gloriosa battaglia per la difesa e la propagazione del Regno di Cristo, che è regno di giustizia, di pace e di amore. Perciò stesso, pur dovendo assolutamente astenersi come è voluto dalla sua natura da ogni attività e atteggiamento di partito politico, l’Azione Cattolica opererà tuttavia realmente ed efficacemente per la prosperità di tutta la comunità, « diventando il mezzo adatto di cui si serve la Chiesa per comunicare ai popoli ogni sorta di benefici » [1].

Infine chiediamo insistentemente a Dio che voglia benevolmente rendere fruttuose le fatiche che tu, Diletto Figlio Nostro, e i tuoi Colleghi nell’Episcopato — assecondati da un clero attivo e da uno scelto laicato incessantemente operanti — sostenete, affinché si formi ovunque questo sicuro e valido aiuto dell’Azione Cattolica diretto a ricostituire i buoni costumi nella società, in modo che quanto prima in tutte le diocesi si organizzino queste belle schiere di valorosi soldati che difendano con fermezza i diritti e gl’interessi di Dio e della Chiesa, e portino dappertutto il sentimento di Cristo, che è pegno e garanzia per gl’individui, per le famiglie e per la stessa società civile.

E affinché le vostre iniziative procedano regolarmente e con soddisfazione, imploriamo da Dio per voi gli opportuni aiuti. Sia preannuncio di questi e testimonianza del Nostro grande amore la Benedizione Apostolica che con affetto nel Signore impartiamo a te, Diletto Figlio Nostro, e a voi, Venerabili Fratelli, e a tutto il clero e al popolo affidato a ciascuno di voi, in particolare a quanti sono impegnati nell’Azione Cattolica

Dato a Roma, presso San Pietro, il 27 ottobre, festa di Cristo Re, dell’anno 1935, quattordicesimo del Nostro Pontificato.

PIUS PP. XI